Il Segno del Figlio dell’Uomo

 

“Subito dopo la tribolazione di quei giorni,
il sole si oscurerà,
la luna non darà più la sua luce,
le stelle cadranno dal cielo
e le potenze dei cieli saranno sconvolte.
Allora comparirà in cielo il segno del Figlio dell’uomo e allora si batteranno il petto tutte le tribù della terra, e vedranno il Figlio dell’uomo venire sulle nubi del cielo con grande potenza e gloria. Egli manderà i suoi angeli, con una grande tromba, ed essi raduneranno i suoi eletti dai quattro venti, da un estremo all’altro dei cieli”. Mt 24

 

A marvelous cross appeared on the Sea of Galilee at sunrise, during my conversation with Fr. Eamon

Il miracolo dell’acqua cambiata in vino avvenne ad opera di una donna, e anche il mio incontro con P. Eamon Kelly, non sarebbe avvenuto senza l’intercessione di una carissima amica.
In questo tempo di Coronavirus, ho ricevuto la visita al mio eremo di una amica ebrea.
Continue reading “Il Segno del Figlio dell’Uomo”

Share on

 

Multiply Our Love

Il video:

Leggi sotto la storia di questa canzone

 

Se cerchi una qualità audio migliore puoi ascoltarla su Soundcloud in full HD e scaricarla gratuitamente cliccando sulla freccia in alto a destra:

 

Al seguente link trovi la canzone su Spotify, puoi aggiungerla a una delle tue playlist, ci sono anche i collegamenti a molti altri negozi online come Apple Music, I-Tunes, Google Play, Amazon e Bandcamp. La canzone è gratuita, a parte in alcuni negozi online dove non si poteva scegliere diversamente.

https://distrokid.com/hyperfollow/nothingless/multiply-our-love-feat-marlene-vicky-hudson-sophia–manuel  

Nella primavera del 2019 ho avuto la grazia di abitare nel luogo santo della moltiplicazione dei pani e dei pesci a Tabgha, sulla riva nord del Lago di Tiberiade.

Continue reading “Multiply Our Love”

Share on

 

Commento al Padre Nostro

Facendosi maestro di preghiera e modello di umiltà Gesù ci ha insegnato ed ha pregato lui stesso questa preghiera

Padre nostro che sei nei cieli

Gesù ci invita a rivolgerci a Dio come a un Padre. Dio non è distante, ma si prende cura di noi come un Padre e vuole da noi un rapporto amorevole e fiducioso, non distaccato, proprio come un padre nei confronti del suo bimbo.

Il Padre non è il mio soltanto, ma il nostro. Nel pregare Gesù vuole che cresciamo nella consapevolezza di essere fratelli, figli di un unico Padre e nell’amore reciproco. Per la stessa ragione le domande del Padre Nostro sono al plurale e non al singolare “dacci il nostro pane” “perdona a noi”… in questo modo ci rendiamo conto che il profitto o il danno di qualsiasi altro fratello è anche il profitto o il danno nostro e prendiamo a cuore le sorti dei nostri fratelli e sorelle.

Il Padre è anche nei cieli, cioè è più in alto e incomparabile a tutto ciò che esiste, questo ci ricorda la trascendenza divina.

Sia santificato il tuo nome

Cioè sia data a Dio, alla sua persona, il posto e la santità che gli spetta nel mondo, il primo. Gli animali lo santificano, la Creazione lo santifica, ma noi uomini spesso ci ribelliamo e non accettiamo la realtà di Dio né santifichiamo il suo Nome e appena qualcosa va storto gli uomini se la prendono subito con il Padre eterno. Egli è solo e unicamente amore, non ha mai fatto nessuna azione malvagia, né mai la farà dal principio della creazione alla fine del mondo e per tutta l’eternità. Gli uomini si ribellano ai decreti divini, sono incapaci di riconoscenza e non vedono i tanti benefici che hanno ricevuto da Dio, ma sono afflitti dallo scandalo del male. Invece di benedire Dio e le sue opere meravigliose, ingenuamente lo maledicono e lo beffeggiano e non santificano il suo nome, senza accorgersi che un giorno, per forza o per amore, dovranno arrendersi e santificare il Nome divino, o essere gettati nel tormento eterno insieme ai demòni.

La sacra collina, che fronteggia il Mare di Galilea, dove Gesù insegnò il Padre Nostro
La collina in cui il Padre Nostro fu pronunciato da Gesù  è una splendida terrazza sul Lago di Tiberiade. Nei Vangeli Gesù insegna questa preghiera come parte del Discorso della Montagna. C’è un monastero a Gerusalemme dove dicono che Gesù abbia insegnato il Padre Nostro: è sbagliato. Il Padre Nostro fu insegnato al Lago di Tiberiade dove il Discorso della Montagna fu pronunciato, come attestano chiaramente i Vangeli.

Continue reading “Commento al Padre Nostro”

Share on

 

Our Father, il Padre Nostro

 

Questa è la prima canzone che pubblico. È una canzone cristiana, la mia versione del Padre Nostro, la preghiera del Signore.

Tutto è stato realizzato e prodotto da me nel mio eremo. Il video girato da me, mostra panorami del Mare di Galilea, dove le parole del Padre Nostro sono state pronunciate da Gesù.

Queste parole, alcune delle più importanti che ci è stato dato sentire nella vita, dovrebbero essere impresse nei nostri cuori e accrescere l’amore per il nostro Padre celeste.

 

Il video con il testo:

 

Ascolta la versione audio in HD su Soundcloud, per scaricare gratuitamente la versione HD clicca sulla freccia piccola nell’angolo a destra:

 

 

 

Sul seguente link trovi la canzone su Spotify, puoi aggiungerla a una delle tue playlist, ci sono anche i collegamenti a molti altri negozi online come Apple Music, I-Tunes, Google Play, Amazon e Bandcamp. 

https://distrokid.com/hyperfollow/nothingless/our-father

La canzone è gratuita, a parte in alcuni negozi online dove non si poteva scegliere diversamente.

Se desideri suonarla, aggiungo il testo con gli accordi:

 

D      D/C#                     Bm7 Bm7/A

Our Father, who art in heaven,

G9            D/F#    Em7/9 Asus4

hallowed be thy name;

D                     D/C#

thy kingdom come;

Bm7            Bm7/A

thy will be done

     G9      D/F#      Em7/9 Asus4

on earth as it is in heaven.

Bm7-11-5+                  Bm7-11/A

Give us this day our daily bread;

       C9            Bm7-11 Em7-11/Bb  Asus4

and forgive us our      trespasses

          Em7-9                     D/F#                           Asus4

as we forgive those who trespass against us;

       C9         Bm7-11 Em7-11/Bb Asus4

and lead us not        into           temptation,

      Em7-9 D/F# G9 Asus4 D

but deliver           us  from     evil.

 

 

According to almost all biblical scholars this is the most ancient and original form of this prayer, the verses “for thine is the kingdom, and the power, and the glory, for ever and ever” were added later in the early Christian era.

Both forms are to be considered inspired by the Holy Spirit and correct to use. The shorter form though, is the one that most likely Jesus pronounced when he taught this prayer to his disciples on the shores of the Sea of Galilee.

Share on

 

PARABOLA DEI VIGNAIOLI OMICIDI

 

 Ho fatto un video commento a Mc 12,1-12, la meditazione è svolta dal Lago di Tiberiade in Israele, luogo dove è avvenuta una grande parte degli episodi evangelici.

 Si tratta di una riflessione che mi è stata chiesta per la Pastorale Giovanile della Chiesa di Siena.

Nel video mi rivolgo particolarmente a Siena, ma sono considerazioni che si applicano bene anche a altre città. Spero che vi piaccia e che vi troverete qualche buona ispirazione.

 

Il Signore vi benedica!

 

 

“Si mise a parlare loro con parabole: «Un uomo piantò una vigna, la circondò con una siepe, scavò una buca per il torchio e costruì una torre. La diede in affitto a dei contadini e se ne andò lontano. 2Al momento opportuno mandò un servo dai contadini a ritirare da loro la sua parte del raccolto della vigna. 3Ma essi lo presero, lo bastonarono e lo mandarono via a mani vuote. 4Mandò loro di nuovo un altro servo: anche quello lo picchiarono sulla testa e lo insultarono. 5Ne mandò un altro, e questo lo uccisero; poi molti altri: alcuni li bastonarono, altri li uccisero. 6Ne aveva ancora uno, un figlio amato; lo inviò loro per ultimo, dicendo: “Avranno rispetto per mio figlio!”. 7Ma quei contadini dissero tra loro: “Costui è l’erede. Su, uccidiamolo e l’eredità sarà nostra!”. 8Lo presero, lo uccisero e lo gettarono fuori della vigna. 9Che cosa farà dunque il padrone della vigna? Verrà e farà morire i contadini e darà la vigna ad altri. 10Non avete letto questa Scrittura:
La pietra che i costruttori hanno scartato
è diventata la pietra d’angolo;
11questo è stato fatto dal Signore
ed è una meraviglia ai nostri occhi?».
12E cercavano di catturarlo, ma ebbero paura della folla; avevano capito infatti che aveva detto quella parabola contro di loro. Lo lasciarono e se ne andarono.”  Marco 12, 1-12

 

 

 

video e musiche originali di Filippo Rossi

 

 

 

 

Share on

 

L’umanità è bianca per la mietitura

 

Gesù disse loro: «Il mio cibo è fare la volontà di colui che mi ha mandato e compiere la sua opera. Voi non dite forse: “Ancora quattro mesi e poi viene la mietitura”? Ecco, io vi dico: alzate i vostri occhi e guardate i campi che già sono bianchi per la mietitura” Gv 4

messe e mietitura
un campo d’ orzo e sullo sfondo il Monte Arbel

Passando per la campagna ho visto questi campi di orzo, vicino a Magdala, e ho subito pensato a questa frase di Gesù. Questi campi sbiancano per la mietitura, sono bianchi” cioè schiariscono e non “biondeggiano”, dicono le versioni greca e siriaca del Vangelo. Questa foto l’ho scattata una decina di giorni fa, alla fine di Aprile; in Israele la campagna e’ avanti rispetto all’Italia qui è già estate, siamo addirittura sotto il livello del mare. Il sole picchia forte e la luce è più brillante di quella a cui siamo abituati, nelle ore centrali del giorno è accecante e tutti i colori della natura “biancheggiano”.

Lo sbiancare dunque non è dato solo dal variare del colore dal verde della spiga acerba al giallo di quella matura. La spiga, che siamo noi, è completa solo se viene maturata e colpita dalla luce divina, che è bianca e splendente, e che essa a sua volta riflette, come nella foto.

L’umanità è bianca per la mietitura, come la nube del Figlio dell’Uomo:

E vidi: ecco una nube bianca, e sulla nube stava seduto uno simile a un Figlio d’uomo: aveva sul capo una corona d’oro e in mano una falce affilata. Un altro angelo uscì dal tempio, gridando a gran voce a colui che era seduto sulla nube: «Getta la tua falce e mieti; è giunta l’ora di mietere, perché la messe della terra è matura». Allora colui che era seduto sulla nube lanciò la sua falce sulla terra e la terra fu mietuta” Ap 14

campi di orzo nei pressi del Lago di Tiberiade

Ciascuno di noi sarà mietuto, ed essere pronti per quel momento è la cosa più importante di tutte.

Probabilmente non abbiamo nessuna voglia e non ci sentiamo affatto pronti per essere mietuti. Questa incertezza è salutare perché ci costringe a riflettere e a cercare di migliorarci continuamente, senza mai sentirci arrivati o completamente al sicuro.

Siamo esseri fragili e il Signore lo sa, egli vede che percorriamo faticosamente il cammino della vita andando come a tentoni e ha compassione di noi. Ed Egli vede benissimo se facciamo il possibile, anche se con scarsi risultati, o se non ci curiamo affatto di prepararci alla mietitura.

                                                                                                                                                                                              Nothingless

campi di orzo nei pressi del Lago di Tiberiade, messi

Share on

 

 

Anche Taylor Swift prega Gesù

 

“One world: Togheter at Home” è il nome dell’evento organizzato insieme da numerosi artisti guidati da Lady Gaga per confortare le persone in questo momento di emergenza e raccogliere fondi. Gli orari erano pensati per l’America, in Israele infatti il momento clou andava in onda alle 2 di notte…..Così, visto l’orario improponibile, stamattina, dopo aver fatto le mie consuete preghiere, da buon appassionato di musica sono andato a vedere se l’avevano reso disponibile su youtube per chi se l’era perso.

Naturalmente non mi sono sorbito le interminabili 8 ore della trasmissione, ma sono andato a vedere ciò che mi interessava.

Alla fine, penultima, ha cantato Taylor Swift che aveva scelto una sua bellissima canzone “Soon you’ll get better” cioè “presto starai meglio”, dedicata ai suoi genitori, che hanno dovuto entrambi combattere il cancro.

Gli artisti si presentavano in diverse maniere: giocosi o preoccupati, scherzosi o seri e persino un po’ provati. E tutti siamo capaci di vedere quando il dispiacere di qualcuno è vero o è una posa….
Taylor è stata ammirevole, era veramente triste e in tono un po’ dimesso e con un abbigliamento semplice e onesto ha cantato questa canzone abbozzando alla fine un timido sorriso e mostrando una sincera sofferenza, segno del suo animo ipersensibile e compassionevole. Ciò è stato un modo adeguato di manifestare la vicinanza a coloro che hanno vissuto vere tragedie come la perdita dei propri cari, o si trovano sul lastrico e senza nulla da mangiare.
Con mia grande sorpresa, mentre ascoltavo la canzone, Taylor ha nominato Gesù espressamente, facendo una esplicita professione di fede, ecco alcune frasi del suo testo:

Holy orange bottles, each night I pray to you

Sante bottigliette arancioni (le medicine), ogni notte vi prego

Desperate people find faith, so now I pray to Jesus too

Gente disperata trova la fede, così adesso prego anche io Gesù

And I say to you  Ooh-ah, soon you’ll get better

E ti dico               Ooh-ah, presto starai meglio ​

 

 E’ impressionante constatare come questo periodo abbia condotto molti a Gesù.

Chi si vergognerà di me e delle mie parole davanti a questa generazione adultera e peccatrice,
anche il Figlio dell’uomo si vergognerà di lui, quando verrà nella gloria del Padre suo con
gli angeli santi” Mc 8, 38 “chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anche il Figlio dell’uomo lo riconoscerà davanti agli angeli di Dio” Lc 12,8.

Per questa bella professione di fede Taylor avrà la sua ricompensa. Contrariamente alla sua collezione di Grammy Awards….che pure sono belli e meritano tutto il nostro rispetto, le ricompense che Gesù ci dà sono eterne e non passeranno mai di moda né ci sarà qualcuno che le scavalca nella hit parade. E’ bastata una parola, appena più di una sillaba, citare il nome di Gesù, per trasformare una bella canzone in qualcosa di eterno.

E se dal titolo dell’ultimo album di Taylor “Lover”, tratto dalla canzone di punta, che parla della storia complessa e dolorosa con un “lover”, cioè un amante, (seppur con il desiderio di trasformare questa relazione in qualche cosa di stabile)…non ci si sarebbe aspettati una particolare devozione, questa vicenda conferma invece che nessuno ha diritto a giudicare la fede di un altro. Nel profondo di ogni uomo infatti alberga, anche quando tutto lascerebbe supporre diversamente, un anelito verso l’Assoluto che nessuno può sopprimere.


Questa cantante, con una semplice parola ha offerto una bella testimonianza e anche noi possiamo fare la stessa cosa nelle nostre vite, umili e nascoste, talvolta grigie, ma ugualmente importanti agli occhi di Dio. Le testimonianze dei credenti, formano infatti una invisibile catena, che produce una divina sinfonia e attrae gli altri. E se vedere una persona famosa che si rivolge a Gesù ci colpisce, dovremmo riflettere sul fatto che ognuno di noi ha incontrato nella vita persone meno appariscenti che hanno speso la vita per Dio, forse i tuoi parenti, o qualsiasi altra persona che ci ha offerto una testimonianza di fede, e questo dovrebbe bastare già a convincerci che confidare in Gesù è la cosa migliore che possiamo fare.

Simon Dewey - Daughter Arise
Gesù guarisce una fanciulla   S. Dewey, Daughter Arise

 


Il Signore aspetta che ci rivolgiamo a lui, aspetta con pazienza, e troppe persone vivono una esistenza senza di lui, privandosi della forza della sua consolazione, finché viene il momento del ritorno.

 

 

 

E qui c’è una notizia ancora più bella: se qualcuno vuole parlarci noi siamo più contenti se è una persona famosa o importante, se conta qualcosa. Dio non fa così, perché

l’uomo guarda l’apparenza, ma il Signore guarda il cuore” 1Sam 16,7

Non appena ci rivolgiamo a Lui, Gesù ci ama tutti con lo stesso identico immenso amore. Anzi, preferisce quelli più piccoli, gli umili e quelli che hanno più sofferto, quelli che sono stati rigettati e a cui la vita è andata un po’ storta e quindi hanno un posto speciale nel suo cuore. Li preferisce però in un modo misterioso: se pensiamo che in fondo non possiamo essere annoverati tra questi piccoli non abbiamo il diritto di sentirci esclusi, infatti è immenso il suo amore. Il mio immenso quanto è: 5 o 10?! E il tuo immenso quanto è: 20 o 30? Dove c’è qualcosa di immenso nulla si può misurare e nessuno manca di nulla, anzi per ciascuno c’è una totale sovrabbondanza.
Dio è l’unico capace di contenere e abbracciare tutto e tutti, capace di contenere e abbracciare Taylor Swift, te, me e ogni altra persona che lo ha amato e persino rifiutato.​

 

Nothingless

                                                                                                                                                                           

 

Share on

 

 

Quale vaccino per il Coronavirus, Covid-19?

 

Coraggio, sono io, non abbiate paura! Mt 14,27

In questi tempi di calamità siamo tutti impauriti. L’incertezza del futuro si staglia come un macigno sul nostro orizzonte…..alcune persone già fronteggiano la povertà e tutti abbiamo dovuto rivedere i nostri progetti. La soluzione di tutto, l’oggetto dei desideri, il salvatore del mondo, sembra essere una cura per questo morbo, l’agognato vaccino per il Coronavirus. Tutti, come è comprensibile, preghiamo che questa malattia sia sconfitta e finisca questo periodo terribile.

Tutto ciò che sta succedendo assomiglia tremendamente a una tempesta, la tempesta sul Mare di Galilea che Papa Francesco ha scelto per la sua meditazione, ascoltata da milioni di persone collegate con i media e da stormi di uccelli, unici spettatori a piazza S Pietro.

Jesus sleeps on the boat during the storm

 

 

 

Questa è la stessa tempesta che gli Apostoli hanno vissuto, la tempesta a cui nessun uomo, in fondo, è mai potuto sfuggire. Nei Vangeli ci sono 2 tempeste. In una la barca sta affondando ed è ricoperta dalle onde e Gesù riprende gli Apostoli: “Perché avete paura, gente di poca fede?”(Mt 8).

 

Nell’altra Gesù manda in avanti i discepoli sulla barca e li raggiunge camminando sulle acque, dicendo ai suoi “Coraggio, sono io, non abbiate paura!”, e Matteo riporta il momento in cui Pietro scende dalla barca e cammina anche lui sulle acque e il Signore gli dice mentre sta affondando preso dalla paura: “Piccolo nella fede, perché hai dubitato?” (Mt 14).

Ognuno di noi ha dubitato e ha avuto paura un sacco di volte. Le nostre paure sono talvolta irragionevoli, ma altre volte sono più che comprensibili. E’ irragionevole per esempio la paura di Dio come di un essere severo…che ci porta a sotterrare il talento ricevuto per paura di sbagliare. Gesù ci esorta a lottare contro la paura, sia quella irragionevole, ma anche contro la paura ragionevole. La paura ci fa stare male e ci paralizza, perdiamo un sacco di tempo e fantastichiamo su quello che potrebbe accadere (ma che probabilmente non accadrà mai), senza concentrarci su ciò che è realmente alla nostra portata e possiamo fare di bello e di buono oggi. “Due passeri non si vendono forse per un soldo? Eppure nemmeno uno di essi cadrà a terra senza il Padre vostro. Perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non abbiate dunque paura: voi valete più di molti passeri!” (Mt 10).

 

Le domande che si agitano nel cuore di tutti in questi momenti sono angoscianti e piene di timore: cosa succederà? Fino a quando questo durerà? Le persone a cui voglio bene e io stesso, riusciremo a sopravvivere? Avremo abbastanza per vivere o tutti i nostri sogni saranno infranti??? Potremo ancora andare alla Messa o goderci una bella passeggiata, un viaggio, una serata al cinema, un evento sportivo, un concerto, una semplice visita ai nostri amici e familiari? Tutto l’ “intrattenimento” in cui cercavamo una via di fuga ai drammi dell’esistenza, è improvvisamente svanito, lasciandoci soli con “l’insostenibile pesantezza dell’essere”.

Nonostante tutte le raccomandazioni del Maestro a non avere paura “mentre erano sulla strada per salire a Gerusalemme, Gesù camminava davanti a loro ed essi erano sgomenti; coloro che lo seguivano erano impauriti” (Mc 10), e anche noi, dobbiamo ammetterlo, non siamo affatto migliori di loro… Gesù ci esorta alla fede e a superare le nostre paure anche quando tutto sembra crollare e il peggio ci si presenta ormai inevitabile. Ognuno di noi può chiedere a Dio di aumentare la sua fede, non saremo più allora sconvolti tanto facilmente da sciocche paure e nemmeno da quelle più ragionevoli. Continueremo a sperimentare la paura, ma in un modo diverso.

Eppure Gesù non ci chiede di diventare superuomini. Gesù guardava realisticamente alla realtà e profetizza che negli ultimi tempi “Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla terra angoscia di popoli in ansia per il fragore del mare e dei flutti, mentre gli uomini moriranno per la paura e per l’attesa di ciò che dovrà accadere sulla terra. Le potenze dei cieli infatti saranno sconvolte. Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire su una nube con grande potenza e gloria. Quando cominceranno ad accadere queste cose, risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina” (Lc 21). E nell’ora della sua tempesta perfetta anche Gesù “cominciò a sentire paura e angoscia” (Mc 14), “in preda all’angoscia pregava più intensamente e il suo sudore diventò come gocce di sangue che cadono a terra” (Lc 22). Sudare sangue, dicono i medici, avviene solo in una esperienza estrema di angoscia e terrore, la più estrema che un uomo possa sostenere. Perché Gesù ha esortato tanto a non avere paura, se poi lui stesso ha sperimentato l’angoscia e la paura????

 

Perché vuole che siamo felici, ma sa anche benissimo che ci sono paure che nessuno, neppure il Figlio di Dio, può evitare. Ci saranno nella vita momenti in cui, per Grazia, riusciremo a essere meno paurosi e persino a vincere molte delle nostre paure, ma arriva per tutti la tempesta perfetta: allora il Signore non ci chiede l’impossibile, cioè di non avere paura, ma di vivere quella paura in un modo nuovo, conservando nel cuore la luce della fede e il calore della speranza, nella certezza che “anche i capelli del nostro capo sono tutti contati”.

Questo periodo prima o poi passerà, e allora, anche se saremo finalmente vaccinati contro il Coronavirus, non saremo però riusciti a superare le nostre paure. Torneremo a essere paurosi e a spaventarci di nuovo per il prossimo virus o la prossima guerra o la crisi economica o una minuscola zanzara che ci impedisce di dormire o l’ennesimo evento drammatico che avverrà nella nostra vita, dandoci l’appuntamento alla prossima “tempesta perfetta”.

Abbiamo bisogno estremo del vaccino per le nostre paure, di quello vero, di quello che dura per sempre. E’ da sciocchi restare così in balia delle onde per tutta la vita, è l’ora di credere adesso alle parole di Gesù: “Coraggio, sono io, non abbiate paura!…Perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non abbiate dunque paura: voi valete più di molti passeri!… Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo”.

Abbiamo bisogno del respiratore con l’ossigeno per non morire soffocati dalle nostre paure di oggi e di domani “Nel mondo avete tribolazioni, ma abbiate coraggio: io ho vinto il mondo!” (Gv 16). Quando sarà l’ora della paura e dell’angoscia inevitabile, riusciremo a viverla nella certezza che Dio conduce e protegge le nostre vite e la storia umana. Avremo paura, suderemo anche sangue forse e soffriremo ancora, ma la luce del calore divino non potrà mai essere estinta nel nostro cuore da nessun virus, nessuna guerra, nessuna povertà, nessun dramma, nessuna paura.

 

                                                                                                                                                                                                        Nothingless

Share on

Ditelo nella luce

“Quello che io vi dico nelle tenebre voi ditelo nella luce, e quello che ascoltate all’orecchio voi annunciatelo sui tetti”

Cari lettori,

questo è il mio primo post e come ogni prima volta c’è una certa emozione…“In principio Dio creò i cieli e la terra” (Gen 1,1). Ognuno di noi può creare qualcosa, per dono di Dio, e partecipare alla sua opera creatrice. Alla fine mi sono convinto che devo tirare fuori in qualche modo il talento ricevuto, ma non è stato facile vincere la mia naturale ritrosia.

Gesù ci invita prima di tutto all’umiltà e ci dice che lui è la luce del mondo

sunset in Galilee, near Tabgha

e che anche noi siamo questa stessa luce del mondo, come una città posta sul monte che non può restare nascosta. Parla della nostra luce che deve risplendere davanti agli altri e delle opere buone che i discepoli devono compiere perché, vedendole, gli uomini glorifichino il Padre nostro che è nei cieli. Gesù ci invita alla preghiera nascosta e a non praticare le nostre opere davanti agli uomini per essere visti da loro. Eppure esorta anche ad annunciare il Vangelo fino agli ultimi confini della terra, e fa l’esempio del lievito che deve fermentare tutto, del sale che ha perduto il sapore e non è più buono a nulla se non ad essere gettato via e calpestato dalla gente. E ripete ancora oggi: “Se questi taceranno, grideranno le pietre!” (Lc 19,40).

Gesù ci invita a parlare nella “luce”, allo scoperto, in modo trasparente e franco e persino a salire sul tetto ad annunciare ciò che egli ci ha appena sussurrato nell’oscurità. I messaggeri del Vangelo dovrebbero essere così: non hanno nulla a che vedere con segreti, raggiri, ipocrisie, calcoli utilitaristici e metodi diplomatici di questo mondo. I messaggeri del Vangelo hanno con gli altri relazioni trasparenti e annunciano in modo chiaro un messaggio chiaro. Il messaggio semplice e luminoso di Gesù, un messaggio che è luce e deve essere detto nella luce, un messaggio che è pace e amore. Il messaggio di Gesù è un Vangelo, cioè una buona notizia. Alcune persone non lo accolgono perchè il nemico ruba le parole seminate nei loro cuori. Altre persone non lo accolgono perchè noi cristiani siamo incoerenti e quello che predichiamo non suona affatto come una “buona notizia” a causa delle contraddizioni storiche e contemporanee della chiesa e di ciascuno di noi. Non siamo capaci di proporre agli altri Gesù tale e quale Lui è. Lo proponiamo invece filtrato attraverso le nostre categorie, le istituzioni, le teologie che sono diventate più importanti di Dio stesso, e i nostri obsoleti abiti ecclesiastici……Per questo, se vogliamo obbedire a Dio e “dire nella luce” il suo messaggio, il nostro principale impegno deve essere andare al cuore di esso, sfrondarlo dalla ruggine accumulata nei secoli e con semplicità, senza proselitismi, proporlo agli altri.

Signore della luce, tu che sei luce,

fa che ogni nostro annuncio sia sempre e solo luce,

perchè qualcosa di te, anche attraverso di noi,

possa raggiungere i nostri fratelli.

Amen

 

Share on