Anche Taylor Swift prega Gesù

 

“One world: Togheter at Home” è il nome dell’evento organizzato insieme da numerosi artisti guidati da Lady Gaga per confortare le persone in questo momento di emergenza e raccogliere fondi. Gli orari erano pensati per l’America, in Israele infatti il momento clou andava in onda alle 2 di notte…..Così, visto l’orario improponibile, stamattina, dopo aver fatto le mie consuete preghiere, da buon appassionato di musica sono andato a vedere se l’avevano reso disponibile su youtube per chi se l’era perso.

Naturalmente non mi sono sorbito le interminabili 8 ore della trasmissione, ma sono andato a vedere ciò che mi interessava.

Alla fine, penultima, ha cantato Taylor Swift che aveva scelto una sua bellissima canzone “Soon you’ll get better” cioè “presto starai meglio”, dedicata ai suoi genitori, che hanno dovuto entrambi combattere il cancro.

Gli artisti si presentavano in diverse maniere: giocosi o preoccupati, scherzosi o seri e persino un po’ provati. E tutti siamo capaci di vedere quando il dispiacere di qualcuno è vero o è una posa….
Taylor è stata ammirevole, era veramente triste e in tono un po’ dimesso e con un abbigliamento semplice e onesto ha cantato questa canzone abbozzando alla fine un timido sorriso e mostrando una sincera sofferenza, segno del suo animo ipersensibile e compassionevole. Ciò è stato un modo adeguato di manifestare la vicinanza a coloro che hanno vissuto vere tragedie come la perdita dei propri cari, o si trovano sul lastrico e senza nulla da mangiare.
Con mia grande sorpresa, mentre ascoltavo la canzone, Taylor ha nominato Gesù espressamente, facendo una esplicita professione di fede, ecco alcune frasi del suo testo:

Holy orange bottles, each night I pray to you

Sante bottigliette arancioni (le medicine), ogni notte vi prego

Desperate people find faith, so now I pray to Jesus too

Gente disperata trova la fede, così adesso prego anche io Gesù

And I say to you  Ooh-ah, soon you’ll get better

E ti dico               Ooh-ah, presto starai meglio ​

 

 E’ impressionante constatare come questo periodo abbia condotto molti a Gesù.

Chi si vergognerà di me e delle mie parole davanti a questa generazione adultera e peccatrice,
anche il Figlio dell’uomo si vergognerà di lui, quando verrà nella gloria del Padre suo con
gli angeli santi” Mc 8, 38 “chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anche il Figlio dell’uomo lo riconoscerà davanti agli angeli di Dio” Lc 12,8.

Per questa bella professione di fede Taylor avrà la sua ricompensa. Contrariamente alla sua collezione di Grammy Awards….che pure sono belli e meritano tutto il nostro rispetto, le ricompense che Gesù ci dà sono eterne e non passeranno mai di moda né ci sarà qualcuno che le scavalca nella hit parade. E’ bastata una parola, appena più di una sillaba, citare il nome di Gesù, per trasformare una bella canzone in qualcosa di eterno.

E se dal titolo dell’ultimo album di Taylor “Lover”, tratto dalla canzone di punta, che parla della storia complessa e dolorosa con un “lover”, cioè un amante, (seppur con il desiderio di trasformare questa relazione in qualche cosa di stabile)…non ci si sarebbe aspettati una particolare devozione, questa vicenda conferma invece che nessuno ha diritto a giudicare la fede di un altro. Nel profondo di ogni uomo infatti alberga, anche quando tutto lascerebbe supporre diversamente, un anelito verso l’Assoluto che nessuno può sopprimere.


Questa cantante, con una semplice parola ha offerto una bella testimonianza e anche noi possiamo fare la stessa cosa nelle nostre vite, umili e nascoste, talvolta grigie, ma ugualmente importanti agli occhi di Dio. Le testimonianze dei credenti, formano infatti una invisibile catena, che produce una divina sinfonia e attrae gli altri. E se vedere una persona famosa che si rivolge a Gesù ci colpisce, dovremmo riflettere sul fatto che ognuno di noi ha incontrato nella vita persone meno appariscenti che hanno speso la vita per Dio, forse i tuoi parenti, o qualsiasi altra persona che ci ha offerto una testimonianza di fede, e questo dovrebbe bastare già a convincerci che confidare in Gesù è la cosa migliore che possiamo fare.

Simon Dewey - Daughter Arise
Gesù guarisce una fanciulla   S. Dewey, Daughter Arise

 


Il Signore aspetta che ci rivolgiamo a lui, aspetta con pazienza, e troppe persone vivono una esistenza senza di lui, privandosi della forza della sua consolazione, finché viene il momento del ritorno.

 

 

 

E qui c’è una notizia ancora più bella: se qualcuno vuole parlarci noi siamo più contenti se è una persona famosa o importante, se conta qualcosa. Dio non fa così, perché

l’uomo guarda l’apparenza, ma il Signore guarda il cuore” 1Sam 16,7

Non appena ci rivolgiamo a Lui, Gesù ci ama tutti con lo stesso identico immenso amore. Anzi, preferisce quelli più piccoli, gli umili e quelli che hanno più sofferto, quelli che sono stati rigettati e a cui la vita è andata un po’ storta e quindi hanno un posto speciale nel suo cuore. Li preferisce però in un modo misterioso: se pensiamo che in fondo non possiamo essere annoverati tra questi piccoli non abbiamo il diritto di sentirci esclusi, infatti è immenso il suo amore. Il mio immenso quanto è: 5 o 10?! E il tuo immenso quanto è: 20 o 30? Dove c’è qualcosa di immenso nulla si può misurare e nessuno manca di nulla, anzi per ciascuno c’è una totale sovrabbondanza.
Dio è l’unico capace di contenere e abbracciare tutto e tutti, capace di contenere e abbracciare Taylor Swift, te, me e ogni altra persona che lo ha amato e persino rifiutato.​

 

Nothingless

                                                                                                                                                                           

 

Share on

 

 

Quale vaccino per il Coronavirus, Covid-19?

 

Coraggio, sono io, non abbiate paura! Mt 14,27

In questi tempi di calamità siamo tutti impauriti. L’incertezza del futuro si staglia come un macigno sul nostro orizzonte…..alcune persone già fronteggiano la povertà e tutti abbiamo dovuto rivedere i nostri progetti. La soluzione di tutto, l’oggetto dei desideri, il salvatore del mondo, sembra essere una cura per questo morbo, l’agognato vaccino per il Coronavirus. Tutti, come è comprensibile, preghiamo che questa malattia sia sconfitta e finisca questo periodo terribile.

Tutto ciò che sta succedendo assomiglia tremendamente a una tempesta, la tempesta sul Mare di Galilea che Papa Francesco ha scelto per la sua meditazione, ascoltata da milioni di persone collegate con i media e da stormi di uccelli, unici spettatori a piazza S Pietro.

Jesus sleeps on the boat during the storm

 

 

 

Questa è la stessa tempesta che gli Apostoli hanno vissuto, la tempesta a cui nessun uomo, in fondo, è mai potuto sfuggire. Nei Vangeli ci sono 2 tempeste. In una la barca sta affondando ed è ricoperta dalle onde e Gesù riprende gli Apostoli: “Perché avete paura, gente di poca fede?”(Mt 8).

 

Nell’altra Gesù manda in avanti i discepoli sulla barca e li raggiunge camminando sulle acque, dicendo ai suoi “Coraggio, sono io, non abbiate paura!”, e Matteo riporta il momento in cui Pietro scende dalla barca e cammina anche lui sulle acque e il Signore gli dice mentre sta affondando preso dalla paura: “Piccolo nella fede, perché hai dubitato?” (Mt 14).

Ognuno di noi ha dubitato e ha avuto paura un sacco di volte. Le nostre paure sono talvolta irragionevoli, ma altre volte sono più che comprensibili. E’ irragionevole per esempio la paura di Dio come di un essere severo…che ci porta a sotterrare il talento ricevuto per paura di sbagliare. Gesù ci esorta a lottare contro la paura, sia quella irragionevole, ma anche contro la paura ragionevole. La paura ci fa stare male e ci paralizza, perdiamo un sacco di tempo e fantastichiamo su quello che potrebbe accadere (ma che probabilmente non accadrà mai), senza concentrarci su ciò che è realmente alla nostra portata e possiamo fare di bello e di buono oggi. “Due passeri non si vendono forse per un soldo? Eppure nemmeno uno di essi cadrà a terra senza il Padre vostro. Perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non abbiate dunque paura: voi valete più di molti passeri!” (Mt 10).

 

Le domande che si agitano nel cuore di tutti in questi momenti sono angoscianti e piene di timore: cosa succederà? Fino a quando questo durerà? Le persone a cui voglio bene e io stesso, riusciremo a sopravvivere? Avremo abbastanza per vivere o tutti i nostri sogni saranno infranti??? Potremo ancora andare alla Messa o goderci una bella passeggiata, un viaggio, una serata al cinema, un evento sportivo, un concerto, una semplice visita ai nostri amici e familiari? Tutto l’ “intrattenimento” in cui cercavamo una via di fuga ai drammi dell’esistenza, è improvvisamente svanito, lasciandoci soli con “l’insostenibile pesantezza dell’essere”.

Nonostante tutte le raccomandazioni del Maestro a non avere paura “mentre erano sulla strada per salire a Gerusalemme, Gesù camminava davanti a loro ed essi erano sgomenti; coloro che lo seguivano erano impauriti” (Mc 10), e anche noi, dobbiamo ammetterlo, non siamo affatto migliori di loro… Gesù ci esorta alla fede e a superare le nostre paure anche quando tutto sembra crollare e il peggio ci si presenta ormai inevitabile. Ognuno di noi può chiedere a Dio di aumentare la sua fede, non saremo più allora sconvolti tanto facilmente da sciocche paure e nemmeno da quelle più ragionevoli. Continueremo a sperimentare la paura, ma in un modo diverso.

Eppure Gesù non ci chiede di diventare superuomini. Gesù guardava realisticamente alla realtà e profetizza che negli ultimi tempi “Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla terra angoscia di popoli in ansia per il fragore del mare e dei flutti, mentre gli uomini moriranno per la paura e per l’attesa di ciò che dovrà accadere sulla terra. Le potenze dei cieli infatti saranno sconvolte. Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire su una nube con grande potenza e gloria. Quando cominceranno ad accadere queste cose, risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina” (Lc 21). E nell’ora della sua tempesta perfetta anche Gesù “cominciò a sentire paura e angoscia” (Mc 14), “in preda all’angoscia pregava più intensamente e il suo sudore diventò come gocce di sangue che cadono a terra” (Lc 22). Sudare sangue, dicono i medici, avviene solo in una esperienza estrema di angoscia e terrore, la più estrema che un uomo possa sostenere. Perché Gesù ha esortato tanto a non avere paura, se poi lui stesso ha sperimentato l’angoscia e la paura????

 

Perché vuole che siamo felici, ma sa anche benissimo che ci sono paure che nessuno, neppure il Figlio di Dio, può evitare. Ci saranno nella vita momenti in cui, per Grazia, riusciremo a essere meno paurosi e persino a vincere molte delle nostre paure, ma arriva per tutti la tempesta perfetta: allora il Signore non ci chiede l’impossibile, cioè di non avere paura, ma di vivere quella paura in un modo nuovo, conservando nel cuore la luce della fede e il calore della speranza, nella certezza che “anche i capelli del nostro capo sono tutti contati”.

Questo periodo prima o poi passerà, e allora, anche se saremo finalmente vaccinati contro il Coronavirus, non saremo però riusciti a superare le nostre paure. Torneremo a essere paurosi e a spaventarci di nuovo per il prossimo virus o la prossima guerra o la crisi economica o una minuscola zanzara che ci impedisce di dormire o l’ennesimo evento drammatico che avverrà nella nostra vita, dandoci l’appuntamento alla prossima “tempesta perfetta”.

Abbiamo bisogno estremo del vaccino per le nostre paure, di quello vero, di quello che dura per sempre. E’ da sciocchi restare così in balia delle onde per tutta la vita, è l’ora di credere adesso alle parole di Gesù: “Coraggio, sono io, non abbiate paura!…Perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non abbiate dunque paura: voi valete più di molti passeri!… Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo”.

Abbiamo bisogno del respiratore con l’ossigeno per non morire soffocati dalle nostre paure di oggi e di domani “Nel mondo avete tribolazioni, ma abbiate coraggio: io ho vinto il mondo!” (Gv 16). Quando sarà l’ora della paura e dell’angoscia inevitabile, riusciremo a viverla nella certezza che Dio conduce e protegge le nostre vite e la storia umana. Avremo paura, suderemo anche sangue forse e soffriremo ancora, ma la luce del calore divino non potrà mai essere estinta nel nostro cuore da nessun virus, nessuna guerra, nessuna povertà, nessun dramma, nessuna paura.

 

                                                                                                                                                                                                        Nothingless

Share on